venerdì 15 giugno 2012

Il mio 'Gazpacho'


La mia passione per il gazpacho risale ad una breve vacanza di qualche anno fa. Quattro giorni di giugno caldissimi – e molto divertenti -  in cui l’idea che pranzo e cena fossero allietati da questa gustosa crema di pomodoro,  piccante e gelata era estremamente piacevole.
Tornata a casa ho iniziato a cercarne la ricetta su internet, su libri e riviste di cucina, ho chiesto alle amiche e alla moglie di un collega di mio marito che è spagnola. All’inizio è stato un po’ scoraggiante: ogni volta che trovavo una nuova ricetta era .. diversa dalle precedenti, magari per poco ma comunque diversa. Mi sono fatta l’idea – probabilmente sbagliata, ma sono un po’ testarda e quando ho un’idea.. difficile tornare indietro – che non esista una ‘vera ricetta’ del gazpacho, ma che, alla fine, ogni famiglia, ogni piccola trattoria abbia la SUA ricetta del gazpacho.
A parte i ‘pilastri incrollabili’ (pomodoro cetriolo e cipolla, non ne ho identificati altri), ognuno ci aggiunge quello che vuole, peperone, aglio, mollica di pane, sedano.. una (piacevole) confusione senza senso. Anche sulla consistenza ho trovato versioni diverse: c’è chi lo prepara liscio e vellutato come una crema e chi preferisce una consistenza più .. grumosa, non saprei come dire - è il mio caso, la versione ‘liscia’ mi ricorda di più la tomato soup e mi fa pensare ad una cosa gustosa, si, ma calda e invernale.
Così dopo numerosi esperimenti sono arrivata a questa mia versione del gazpacho per la quale utilizzo peperoni cotti in quanto non amo quelli crudi e non metto l’aglio. Lo faccio solo in estate  in mini porzioni come aperitivo o in porzioni più abbondanti come primo piatto.
Cercando, cercando, avevo letto una cosa carina che mi è rimasta impressa (non so se sia vera o leggenda della rete): la parola ‘gazpacho’ deriva da un termine arabo che significa ‘pane bagnato’. Forse tra gli ingredienti immancabili ci sono anche dei piccoli crostini di pane croccanti… chissà!!!



‘GAZPACHO’



Ingredienti per 4 porzioni abbondanti da primo piatto :

800 gr di pomodorini tipo ‘piccadilly’
150 gr di cetrioli
1 piccolo peperone rosso o verde
1 piccola cipolla rossa di Tropea
100 ml di succo di pomodoro bio
uno spicchio di aglio
un pizzico di peperoncino
4 cucchiai da tavola di olio extra vergine di oliva
2 cucchiai da tavola di aceto di mele bio
sale e pepe macinati al momento


Scalda il grill del forno a 200 gradi.
Dividi il peperone in quattro parti e mettilo in una teglia foderata di carta da forno.
Fallo abbrustolire sotto il grill per 15 minuti fino a quando la pelle è bruciacchiata in modo da poterlo spellare con facilità.
Quando è pronto, spella il peperone, dividilo in filetti e cuocilo in una padella con uno spicchio di aglio, un pizzico di sale e quattro cucchiai di olio.
Quando è ben rosolato, aggiungi i due cucchiai di aceto, lascia evaporare e spengi la fiamma.
Incidi la buccia dei pomodori e scottali per qualche minuto in acqua bollente.
Scolali dall’acqua, togli la buccia, i semini e un po’ di acqua di vegetazione.
Sbuccia e lava il cetriolo e la cipolla e affettali grossolanamente.
Metti nel bicchiere del blender: i pomodori, il cetriolo, la cipolla, le falde di peperone all’aceto e un pizzico di peperoncino (non aggiungo olio perché per i miei gusti è sufficiente quello che rilasciano i peperoni).
Aggiungi una piccola parte del succo di pomodoro per avere una componente liquida che ‘faciliti’ il blender e frulla.
Continua a frullare fino ad ottenere la consistenza che preferisci.
Anche per il succo di pomodoro regolati secondo i tuoi gusti, per ottenere un gazpacho più o meno liquido.
Condisci direttamente nel piatto con sale e pepe macinati al momento ed eventualmente un filo di olio extra vergine di oliva.
Puoi servirlo a temperatura ambiente o freddo, dopo averlo tenuto qualche ora in frigorifero.


Con questa ricetta partecipo al Contest di Pasticciando tra i fornelli e di La cucina facile di Vale 
LO SPUNTINO DI MEZZANOTTE





EASY: per uno spuntino in una serata estiva, invece dei classici ‘spaghetti a mezzanotte’, servito in porzioni abbondanti e accompagnato da strisce di focaccia condita con origano fresco.








CHIC:  servilo come aperitivo in bicchierini o mini cocotte insieme a palline di pasta di pane fritte in olio bollente o quadrotti di pasta sfoglia cotti in forno. Per una versione più light: con una semplice ma molto decorativa costa di sedano, inserita nel bicchiere.   

15 commenti:

  1. la tua ricetta è decisamente più golosa di quella triste che ho mangiato in spagna :D

    RispondiElimina
  2. purtroppo ho difficoltà a digerire cetrioli e peperoni...
    il tuo gazpacho però è super!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  3. Sembra davvero un'ottima ricetta...da provare!
    Ti seguo volentieri..
    a presto!

    RispondiElimina
  4. Dopo tutti gli esperimenti devi aver trovato la combinazione perfetta!!!Sembra molto invitante e fresco!
    Grazie per avermi inserita tra i blog che segui! onorata! :)))

    RispondiElimina
  5. Buonissima questa ricetta....la provero' subito,perche' io adoro questo piatto, e deliziosa l'idea di servirlo come antipasto.....veramente ultra-chic. Bacioni e ancora tantissimi complimenti.

    RispondiElimina
  6. che squisitezza di ricetta! complimenti, un bacio e buon inizio settimana :)

    RispondiElimina
  7. Ciao Antonella e piacere di conoscerti*
    Arriva questo caldo e il gazpacho può mancare?? Nooooo e grazie per aver partecipato con questa bella ricetta, io non l'ho mai fatto ma è una squisitezza complimenti!!!
    Mi aggiungo volentieri anche io e torna a trovarmi quando vuoi, io lo farò senz'altro ;)
    ciao ciao

    RispondiElimina
  8. Una delizia senza dubbio
    brava ciao

    RispondiElimina
  9. Ho avuto modo di mangiarlo e apprezzarlo ma io non l'ho mai preparato. La tua ricetta mi piace parecchio, prendo nota e prima che finisca l'estate proverò a farlo. Buona giornata!
    P.S. Il sale alle erbe lo preparo in casa, se hai voglia di dare un'occhiata questo è il link
    http://fiordirosmarino.blogspot.it/2011/03/timballo-carote-prosciutto-broccoli-e.html

    RispondiElimina
  10. proverò anche la tua versione... dalle foto direi che è meravigliosa. Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Grazie dei vostri commenti!

    @Donatella: ho visto i tuoi sali aromatizzati, ottima idea e foto bellissime come sempre, la provo subito. Grazie.

    RispondiElimina
  12. ho sempre voluto fare il gazpacho ma non so mai perchè non l'ho ancora mai provato...che vergogna!! anch'io non amo i peperoni crudi, invece adoro quelli cotti e l'aglio lo tolgo...missà che farò la tua versione!!brava antonella!!
    ps. ti ho scritto un commento lungo nel post dei panini al latte con le noci...mi farebbe molto piacere se lo leggessi!!un bacione

    RispondiElimina
  13. Ciaooo!!!
    Beh in effetti non conoscevo il tuo blog ma sono contentissima che tu abbia partecipato al contest mio e di Vale e ti abbia conosciuto! Complimenti hai un bellissimo blog che seguirò molto volentieri!!! ^_^
    Per quanto riguarda il Gazpacho ci credi che non l'ho mai fatto?? Ma proverò la tua ricetta che mi sembra molto golosa e fresca!!!
    Grazie mille, vado subito ad inserirla!
    Un bacione e alla prossima!!!;-)

    RispondiElimina
  14. Ne e avanzato un po' di questo fresco spuntino?! :o) ciao sono Ale e sono nuova . Complimenti per la ricetta

    RispondiElimina